LA COLOMBA PIÙ BUONA D’ITALIA È LUCANA! DOPO IL PANETTONE PIÙ BUONO D’ITALIA VINCENZO…

tiri

Il suo panettone è stato definito per diversi anni il migliore d’Italia e oggi Vincenzo Tiri, titolare dell’omonima pasticceria di Acerenza (Tiri 1957) ancora non ci crede: anche la Colomba pasquale da lui creata è la migliore dello stivale.

A dirlo la guida del gusto per eccellenza “Gambero Rosso” che ha indetto una degustazione alla cieca tra le 12 colombe classiche migliori d’Italia.

Gambero Rosso ha spiegato come si è svolta la gara:

“Sono 12 i prodotti che abbiamo testato in una degustazione alla cieca. Come abbiamo lavorato?

Un metodo semplice: abbiamo predisposto gli assaggi numerando le colombe tolte dall’incarto e da qualsiasi elemento potesse facilitarne l’individuazione.

Chi ha preparato la degustazione non ha, successivamente, partecipato all’assaggio.

Solo a valutazione avvenuta abbiamo scoperto i pasticcieri autori dei diversi campioni.

Nelle note, per ogni colomba, abbiamo indicato la confezione e il prezzo al pubblico, laddove comunicati”.

Il nostro Vincenzo ha ricevuto la bella notizia solo ieri sera intorno alle ore 22:00 grazie alle telefonate dei colleghi che volevano complimentarsi con lui.

A noi Tiri, con voce ancora velata dall’emozione, ha raccontato:

“Si tratta del massimo riconoscimento a cui potessi ambire.

Ancora non ci credo.

In questo periodo di lavoro intenso che precede la Santa Pasqua, tra impasti ed infornate, ancora non mi rendo conto del successo riscosso per la guida enogastronomica più rinomata d’Italia”.

Ecco come Gambero Rosso descrive la colomba di Tiri 1957:

“La colomba, come deve essere.

 La più bella allo sguardo, gonfia, ben lievitata, netta, anche nella forma.

Al taglio esprime un aroma pieno, di pasticceria, lievito, canditi, vaniglia, percepibile anche a occhio nudo.

La struttura è pressoché perfetta. Il sapore è precisissimo: esattamente quel che è, nell’immaginario comune, una colomba.

Con l’aggiunta di una lieve rimando acido del lievito in chiusura, appena percepibile e funzionale a lasciare la bocca equilibrata.

Ingredienti: farina di frumento, scorze d’arancia candita 30% (scorza d’arancia, sciroppo di glucosio, zucchero) burro, zucchero, tuorli d’uova fresche, lievito madre naturale (frumento) pasta d’arancia, miele malto, sale, vaniglia naturale Madagascar. Glassa 10%: zucchero, mandorle, amido di riso, semola, albume, cacao”.

Un’altra bella conquista anche per la Basilicata che grazie al pasticcere lucano Tiri sarà ricordata come la terrà di sua maestà il panettone e la colomba.

Facciamo i complimenti a questo grande artista dalle mani d’oro.

(Foto Gambero Rosso)

tiri

colombetiri

colombe in gara