POTENZA, COLLABORARE INSIEME PER RISPARMIARE IL 60% DEI COSTI! ECCO PERCHÈ IN TANTI STANNO SCEGLIENDO L’UFFICIO CONDIVISO!

(Di seguito il secondo articolo delle Pillole di Coworking a cura di Vita Triani)  

“Quanti di voi possiedono un trapano elettrico?”

Rachel Botsman, co-autrice del libro “What’s mine is yours – The rise of collaborative consumption” (Ciò che è mio è tuo – L’ascesa del consumo collaborativo), lo ha chiesto durante la conferenza TED 2010 a Sidney alla platea in sala (clicca Qui per accedere al sito TED ufficiale).

Com’era prevedibile, quasi tutti hanno alzato la mano.

“Questo trapano elettrico sarà utilizzato mediamente 12-15 minuti in tutto prima che sia dismesso” continuò la Botsman con finta esasperazione.

“È un pò ridicolo, no? Perché ciò che è necessario è il foro, non il trapano”.

Dopo una breve pausa, al ridacchiare del pubblico propose:

“Perché non affittare il trapano? O perché non affittare il proprio trapano ad altre persone in cambio di qualche soldo?”.

Questo è uno dei tanti aneddoti che colorano la “shared economy”, l’economia della condivisione.

Ma cosa si può condividere per fare economia? Tutto, dalle bici alle auto, dalle case agli uffici. Sì, anche gli uffici!

Tante piccole imprese, per crescere, dovrebbero abbandonare gli appartamenti e i garage ma il loro business non è ancora tale da potersi permettersi un ufficio arredato”.

E allora cosa fare?

Affittate un ufficio condiviso!” suggerirebbe la Botsman.

Di cosa stiamo parlando?

Di DayOffice, una soluzione semplice che permette alle aziende di utilizzare un ufficio e tanti servizi a costi contenuti presso i business center.

Questo modello di shared economy (in forte crescita anche in Italia) porta alle imprese, secondo uno studio del 2015 condotto in Basilicata e pubblicato dal CObiz Business Center di Potenza, un risparmio del 60% sui costi di gestione del proprio spazio di lavoro.

Quindi riassumendo rispetto al “vecchio” ufficio tradizionale:

  • non ci sarà più nessun contratto da dover fare con i vari fornitori dei servizi (luce, acqua, gas, internet, condominio, ecc risparmiando una marea di tempo nella gestione di tutte queste “pratiche burocratiche”);
  • non ci saranno più bollette da pagare;
  • non si dovrà acquistare nessuna fotocopiatrice e nemmeno i toner o gestire la manutenzione;
  • nessuna pulizia da fare o nessuna ditta delle pulizie da chiamare;
  • nessun costo di segreteria,
  • nessuna manutenzione da effettuare agli ambienti (quindi nessun problema improvviso da dover gestire nel bel mezzo del proprio lavoro come ad esempio “si è rotto il condizionatore, la presa elettrica non funziona, ecc”).

Cobiz è stata la prima struttura di coworking (è nata a Potenza già nel 2013) ed è in grado di offrire tutta una serie di servizi che agevolano enormemente il lavoro degli imprenditori del terzo millennio.

Per conoscere tutti i servizi offerti e trovare insieme la miglior soluzione per le tue esigenze affinchè il tuo business possa crescere Clicca Qui.

(Articolo a cura di Vita Triani)