Basilicata: Comuni al collasso e sottoposti a continui smembramenti! Questa la situazione

“Una nuova stagione di assunzioni di profili tecnici/dirigenziali, il ricambio generazionale per i segretari comunali, la stabilizzazione dei precari, insieme ad una redistribuzione equa degli interventi statali sono l’unica via per salvare i Comuni lucani ormai al collasso e delineare un futuro concreto che si intersechi con il Pnrr e gli sviluppi che questo potrebbe portare se ben articolato dalle amministrazioni locali e non subito da processi di palazzo”.

È quanto propone il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa, per:

arrestare la desertificazione del lavoro pubblico in atto, che va assolutamente fermato e invertito.

Bisogna con urgenza rivedere le norme sulle capacità assunzionali degli enti locali abbandonando i meccanismi introdotti dal decreto Crescita che, legando le assunzioni alle entrate correnti degli enti, soffoca la capacità degli stessi di assumere e privilegia l’esternalizzazione dei servizi.

In Basilicata i Comuni, che sono il primo presidio istituzionale e in alcune realtà ormai anche l’unico, vista l’assenza persino della caserma dei carabinieri e degli uffici postali, sono sottoposti a continui smembramenti a danno esclusivo dei cittadini.

Gli Enti locali soffrono di mancanza di personale e del taglio della spesa imposto, il che significa taglio ai servizi comunali.

La politica e le scelte governative non sono mai andati in direzione delle comunità, prevedendo una stagione di concorsi per le pubbliche amministrazioni e una mirata politica programmata per colmare la grave carenza di segretari comunali, pilastro dell’azione legislativa locale.

In alcuni paesi lucani si trovano situazioni con segretari comunali a scavalco su 6/7 Comuni compromettendo la già difficile azione amministrativa.

Numerosi pensionamenti non sono stati compensanti con nuove energie lavorative di giovani lucani preparati e pronti a subentrare e a rinvigorire atti ormai stantii.

Addirittura ci sono Comuni con un solo dipendente comunale dove consiglieri, assessori e sindaco si vedono costretti ad avviare procedimenti amministrativi per evitare che all’ingresso del Palazzo comunale si ponga il cartello: chiuso per mancanza di personale.

Anagrafe, cimiteri, servizi scolastici, asili nido, servizi sociali, infrastrutture minime essenziali sono tutte attività che procedono a singhiozzo per mancanza di personale”.

È dunque assolutamente necessario un piano straordinario di occupazione nella pubblica amministrazione che preveda una organica articolazione tra reddito di cittadinanza e centri per l’impiego, funzionale ai servizi sociali.

Al contempo prevedere un grande piano di reclutamento di risorse umane legate a competenza e formazione per rilanciare le azioni amministrative e consentire il ricambio generazionale nei piccoli e grandi Comuni e conseguentemente porre in campo azioni capaci di arrestare la fuga di giovani formati verso altre regioni, provando così a generare energie contro la desertificazioni dei territori.

A  pagare lo scotto delle inefficienze della pubblica amministrazione siano come sempre i bambini, gli anziani e le famiglie con reddito basso.

Servizi educativi provvisori così come la vasta platea degli assistenti sociali con contratti precari e prestazioni in comuni anche distanti tra loro.

Gli uffici tecnici denunciano carenze di ingegneri, geometri e profili di categoria dirigenziali, fondamentali per poter attuare i finanziamenti del Pnrr e mettere in campo le scelte strategiche.

L’assenza di istruttori amministrativi e tecnici porterà a adottare scelte e progetti saranno calati dall’alto con una semplice e semplicistica mediazione politica al ribasso”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)