Basilicata, Galella: “I progetti approvati per questi lavoratori non ‘cancellano’ misure di sostegno al reddito”. Ecco i dettagli

“I progetti approvati dalla Giunta regionale con DGR 873/20022 e DGR 874/2022, rivolti alle platee ex TiS ed ex RMI non “cancellano” misure di sostegno al reddito. Al contrario, promuovono misure più efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro per coloro che vivono in condizioni di disagio economico.

Il sussidio infatti, come previsto dalle schede approvate con le suddette DGR, continua ad essere riconosciuto nello stesso importo e viene finanziato altresì l’accesso a servizi specialistici a favore del nucleo (ad es. di prevenzione e cura volti alla tutela della salute, assistenza domiciliare, ecc..)

Riguardo alla scheda denominata “Azioni di inclusione socio-lavorativa platea ex Rmi” approvata con la suddetta DGR 874 /2022 è stata finanziata nell’ambito della scheda IMC del protocollo di intesa – anno 2021 – ( risorse art 45 c.5 legge 99/2009 ) .

A tal proposito si evidenzia che ai fini dell’approvazione delle schede degli interventi, oggetto del suddetto protocollo, è stato espressamente fatto inserire, congiuntamente dal Mef e dal MISE (oggi MASE) che “I beneficiari delle tre platee di cui alle schede 1MC, 2MC e 2MS sono differenti e non si sovrappongono con il Reddito di cittadinanza nazionale”.

Si ricorda, ad ogni buon conto, che la precedente Amministrazione con deliberazione n. 1011 del 29 settembre 2017 deliberava “di dover stabilire con la presente deliberazione il divieto di cumulo dei benefici prevista dal Programma Reddito Minimo di inserimento con altri trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari a qualunque titolo erogati da un’amministrazione pubblica per l’inclusione sociale o il sostegno al reddito”.

La suddetta previsione come indicato nella deliberazione doveva evitare che in uno stesso nucleo familiare si concentrassero diversi benefici economici a discapito di altri.

Anche per questa amministrazione è necessario garantire ‘l’equità sociale'”.

Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico e lavoro, Alessandro Galella.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)