BASILICATA, OMICIDIO ANTONIETTA: HA SMESSO DI VIVERE ANCHE IL SUO ASSASSINO CHE ERA IN CARCERE

Ad tre mesi di distanza dall’omicidio di Antonietta Ciancio,  insegnante 69enne originaria di San Severino Lucano (PZ), si è appreso che anche il suo carnefice è volato in cielo.

Ricordiamo che la donna fu ritrovata morta nella camera da letto della sua casa in via Fanuele a Sapri lo scorso 2 Maggio.

La donna era morta già da qualche giorno ecco perchè quando è stato rinvenuto il cadavere le indagini si sono concentrate sul sospettato numero uno: il marito.

Gabriele Milito, marito 75enne della vittimaè stato rintracciato in una campagna di Rivello (PZ) e portato in carcere a Potenza con l’accusa di omicidio.

Dalla casa circondariale potentina l’uomo inizialmente ha sostenuto che si è trattato di un incidente raccontando che mentre era intento a maneggiare una pistola (regolarmente detenuta), sarebbe partito accidentalmente un colpo letale che avrebbe colpito la moglie alla nuca.

Questi 3 mesi trascorsi dal 75enne in carcere sono stati segnati da un forte stato depressivo che lo scorso 2 Agosto ha portato l’assassino alla morte all’interno del carcere di Paola dove era stato trasferito.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)