Potenza: tutto pronto per le celebrazioni del Bicentenario della nascita del più grande scultore lucano dell’800, Antonio Busciolano! Ecco i dettagli

Domani alle ore 9:30 avranno inizio le celebrazioni del Bicentenario della nascita del più grande scultore lucano dell’800, Antonio Busciolano, con un evento che si terrà nella scuola più antica della Basilicata, l’Istituto Bonaventura-Torraca di Potenza, che prevede anche un itinerario emozionale nel centro antico alla scoperta delle opere dell’artista potentino con l’obiettivo di educare i giovani all’arte di vivere.

L’evento dal titolo ‘Antonio Busciolano: l’arte di vivere per un’Europa migliore’ si inserisce nei Programmi Operativi del Fondo Sociale Europeo Basilicata e coinvolgerà, grazie all’USR del Ministero dell’istruzione, le scuole lucane di ogni ordine e grado che avranno la possibilità di seguire l’incontro in diretta streaming sulla pagina FB dell’Istituto Comprensivo Torraca – Bonaventura.

Nel corso dell’incontro che rientra nell’ambito del programma regionale ‘Basilicata in Marcia per la Cultura’ verrà, inoltre, presentata ai rappresentanti istituzionali una proposta progettuale di azioni da finanziare per le celebrazioni del bicentenario di Antonio Busciolano.

Parteciperanno all’evento:

  • Claudia Datena Dirigente Ministero Istruzione e Merito USR Basilicata,
  • Vito Bardi Presidente Giunta Regione Basilicata,
  • Alessandro Galella Assessore regionale Scuola Formazione,
  • Michele Campanaro Prefetto di Potenza,
  • Paolo Rizzo referente UE per il PO FES Basilicata,
  • Ivana Pipponzi Consigliera di Parità Regionale,
  • dell’evento Cristina Danza Sproviero Rappresentante Regionale Basilicata Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO,
  • Luigi Zotta Vice Presidente dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO,
  • Marianna Catalano, Dirigente scolastico I.C. ‘Torraca-Bonaventura’,
  • Giovanni Pacifico Regione Basilicata,
  • Tomangelo Cappelli Coordinatore regionale dell’evento e responsabile Comunicazione FSE.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)