Coronavirus Basilicata, la denuncia: “Caro Bardi, i cittadini stremati e abbandonati attendono l’esito dei tamponi”!

Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle, Gianni Perrino, ha presentato un’interrogazione al presidente Bardi e all’assessore Leone per conoscere “quali azioni si intende mettere in campo per porre fine ai disagi denunciati dai cittadini”.

Ecco le parole di Perrino:

Caro Bardi, i cittadini sono stremati e la pazienza è ai minimi storici.

Si chiede trasparenza ed efficienza nella gestione dei casi positivi.

Qualche giorno fa il Presidente Bardi faceva appello alla pazienza delle centinaia di cittadini lucani costretti nelle loro case in attesa di conoscere l’esito dei tamponi effettuati dalle USCA.

L’unica cosa sicura che registriamo in questi giorni intensi è che questi disagi non sono affatto diminuiti.

Sono tantissimi i cittadini che denunciano una vera e propria privazione della libertà personale ed un abbandono da parte di tutti i livelli istituzionali.

Emergono, inoltre, altri particolari che rendono ancora più confusionario lo scenario attuale.

Ci sono arrivate alcune segnalazioni relative al fatto che le farmacie, almeno quelle della Provincia di Matera, sarebbero impossibilitate ad inserire i dati dei risultati dei test antigenici sulla piattaforma Covid.

Siamo perfettamente consapevoli del momento di grande emergenza che stiamo attraversando, ma non possiamo esimerci dal denunciare l’assenza di trasparenza da parte delle massime autorità regionali.

Bardi, Leone e la task force regionale farebbero meglio a mettere per un po’ da parte i post trionfalistici sulla campagna di vaccinazione e a prodigarsi per fare un punto serio sulle tante cose che sono letteralmente saltate durante questi giorni, cercando di essere franchi nei confronti dei cittadini.

Non è affatto ammissibile lasciare centinaia di cittadini in un limbo di incertezza per svariati giorni e la maggioranza al governo di questa Regione sembra essere del tutto indifferente.

Sembra di assistere alla tragica scena dell’orchestra del Titanic, che mentre la nave colava a picco continuava imperterrita a suonare.

Qui, i rappresentanti della maggioranza del cambiamento, mentre la nave cola a picco, continuano imperterriti a giocare con le poltrone e a sollazzarsi su record intrisi di mera vanagloria”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)