Basilicata: al via i contributi per aiutare le aziende lucane e i liberi professionisti a superare la crisi! Ecco tutti i dettagli.

E’ stata pubblicata sul BUR Speciale n. 87 del 05/10/2020 la Deliberazione di Giunta Regionale n. 684 del 30/09/2020 con la quale è stato approvato l’avviso pubblico “Sostegno alla ripresa delle PMI e delle Professioni Lucane” di cui alla seguente scheda informativa:

Scheda informativa

SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono accedere alle agevolazioni le PMI (micro, piccole e medie imprese), secondo la definizione di cui all’Allegato I al Regolamento (CE) n. 651/2014, compreso i liberi professionisti che intendono realizzare investimenti in sedi operative ubicate nel territorio della Regione Basilicata e che alla data di inoltro della candidatura telematica siano costituite e attive.

Per i liberi professionisti o associazioni di professionisti avere la partita IVA aperta a tale data e per le professioni ordinistiche (cioè quelle professioni per le quali per esercitare la professione hanno l’obbligo di essere iscritte ad un albo), essere, a tale data, anche iscritte al proprio albo professionale.

SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSILI
I settori di investimento ammissibili sono i seguenti:

– Produzione/Industria;

– Artigianato (incluso il settore dell’edilizia);

– Commercio;

– Turismo;

– Servizi;

– Informatica;

– Trasporti;

– Attività professionali;

– Sociale;

– Servizi alla persona;

– Intrattenimento e benessere.

TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO AMMESSE AD AGEVOLAZIONE
Sono ammissibili i programmi di investimento di importo, pari o superiore a euro 5.000,00 al netto delle spese generali da realizzarsi sul territorio della Regione Basilicata.

I programmi di investimento devono essere compresi nelle seguenti tipologie di intervento:

– investimenti in attivi materiali (opere edili connesse ai programmi di investimento finanziati, impianti, macchinari ed attrezzature) ed immateriali (es. acquisizione di licenze di sfruttamento) finalizzati ad accrescere il livello quali-quantitativo dei prodotti e/o dei processi;

– introduzione di adattamenti e modifiche del processo produttivo finalizzati allo sviluppo di nuovi prodotti e/o servizi;

– interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro;

– interventi legati ai processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale;

I programmi di investimento devono essere completati entro 12 mesi dalla data di accettazione del provvedimento di concessione

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammissibili ad agevolazioni le spese, strettamente funzionali allo svolgimento dell’attività e al programma di investimento candidato, sostenute a partire dalla data di pubblicazione sul BUR dell’Avviso e pertanto dal 5 ottobre 2020, relative a:

  • Investimenti in beni strumentali materiali:

– macchinari, impianti, attrezzature varie, arredi, hardware;

– mezzi di trasporto (immatricolati come autocarri cassonati/furgonati);

– spese di ristrutturazione e spese per impianti di cui al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico n. 37 del 22 gennaio 2008 e ss.mm.ii.

  • Investimenti in beni strumentali immateriali:

– programmi informatici, licenze e Know-How;

– spese connesse all’acquisizione di certificazioni, intese come importo pagato dall’impresa all’organismo certificatore per l’acquisizione della certificazione, nonché le consulenze necessarie al conseguimento delle stesse. Sono agevolabili solo i costi relativi all’acquisizione della prima certificazione con esclusione degli interventi successivi di verifica periodica e di adeguamento ad intervenute disposizioni in materia di certificazione;

– acquisizione di consulenze informatiche e specialistiche.

 • Spese per la redazione della domanda, l’assistenza alla realizzazione del progetto candidato e la perizia giurata candidato nel limite del 3% degli investimenti ammessi ad agevolazione in beni strumentali (materiali e immateriali)

CAMPO DI APPLICAZIONE E INTENSITÀ DELL’AGEVOLAZIONE
Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in c/impianti.

L’agevolazione concessa con il presente avviso pubblico è a titolo di “de minimis”, in attuazione del Reg. (UE) n. 1407/2013.

L’intensità massima di aiuto è pari al 50% dei costi ammessi sia relativi agli investimenti in beni strumentali (materiali ed immateriali).

Si evidenzia che la somma dell’importo degli aiuti a titolo di “de minimis” ottenuti nell’esercizio finanziario in cui è concessa l’agevolazione e nei due esercizi finanziari precedenti non deve superare euro 200.000,00 per beneficiario.

Il contributo concedibile non potrà superare euro 100.000.

APERTURA SPORTELLO PER PRESENTAZIONE DOMANDE
Lo sportello per la presentazione delle domande sarà aperto a partire dalle ore 8.00 del giorno 02/11/2020 e fino alle ore 18.00 del giorno 22/12/2020.

DOTAZIONE FINANZIARIA
€ 10.000.000,00

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Ing. Giuseppina Lo Vecchio

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
L’indirizzo di posta elettronica certificato utilizzato per tutte le comunicazioni relative al presente avviso pubblico è il seguente:

avviso.sostegnoallaripresa@cert.regione.basilicata.it

Non saranno considerate le comunicazioni inviate ad altro indirizzo pec

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Relazioni con il Pubblico
0971666123 – 097166805a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)