Facoltà di Medicina a Potenza, Guarente: “Ritengo che sia giunto il momento di far seguire i fatti alle parole”

“Raccolgo con estremo favore la disponibilità espressa dal ministro della Sanità Roberto Speranza riguardo all’istituzione della Facoltà di Medicina nell’Università di Basilicata a Potenza”.

Così si esprime il sindaco Mario Guarente a margine dell’intervento del ministro Speranza alla cerimonia di inaugurazione dell’Anno accademico dell’Unibas:

“Ritengo che sia giunto il momento di far seguire i fatti alle parole e concretizzare il comune intento, rispetto a un obiettivo fondamentale per la nostra comunità.

Dall’inizio del percorso che mi ha portato a guidare l’Amministrazione cittadina, ho creduto fermamente in quello che ritengo un volano per lo sviluppo di Potenza e dell’intero territorio nell’immediato e, soprattutto, in prospettiva.

Da subito abbiamo lavorato in questa direzione confrontandoci con le diverse Istituzioni, l’abbiamo ribadito anche nel corso del Consiglio comunale straordinario tenutosi nell’auditorium dell’ospedale San Carlo.

E’ necessario dar seguito alla comune volontà emersa e così, già nella prossima settimana, intendo convocare un tavolo tecnico al quale invitare il ministro della Sanità, la Regione, l’Università della Basilicata, l’ospedale San Carlo per decidere congiuntamente tempi e modi di un progetto che intendiamo portare a compimento nella maniera più rapida ed efficace possibile.

Si tratta di dar vita a qualcosa che potrà cambiare radicalmente il destino dei potentini e dei lucani, rendendo il San Carlo struttura di riferimento anche dal punto di vista universitario e della ricerca, la nostra Università in grado di rivestire quel ruolo di polo attrattore per gli studenti di gran parte del Mezzogiorno, Potenza Città universitaria a tutti gli effetti, capace di portare a sintesi in maniera virtuosa il rapporto tra ateneo e tessuto urbano, tra studenti, corpo docenti, lavoratori dell’Ateneo e i residenti del capoluogo,tra presente e futuro”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)