Potenza saluta il Maggiore Cascone, nuovo Comandante del Nucleo Investigativo in Sicilia

Potenza ha salutato il Maggiore Gennaro Cascone della Compagnia dei Carabinieri di Potenza, ora nuovo Comandante del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani (Sicilia).

Cascone, classe 1982, è originario di Castellammare di Stabia.

Dal 1998 al 2001 ha frequentato la scuola militare Nunziatella di Napoli, per poi proseguire gli studi da Ufficiale dal 2003 al 2008 presso l’Accademia di Modena.

Presso la Scuola Ufficiali di Roma, si è laureato in Scienze Giuridiche, per poi prendere la specializzazione in Giurisprudenza.

Ha assunto l’incarico di Comandante di Compagnia presso il 12° Battaglione “Palermo” fino al 2009.

Nello stesso anno è stato trasferito a Gravina di Catania con il ruolo di Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile.

Dal 2011 al 2015, promosso Capitano, ha ricoperto l’incarico di Comandante di Compagnia di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria).

Stessa carica assunta dal 2015 al 2019 presso la Compagnia di Potenza.

Da sempre dedito al lavoro e alla sicurezza della nostra città, l’attività del Maggiore, in 4 anni di lavoro in Basilicata, è stata senza dubbio indispensabile e proficua sul fronte del contrasto allo spaccio e al consumo di droga, della prostituzione, nonchè per la repressione delle molteplici ondate di furti e rapine.

La nuova esperienza del Maggiore Cascone è cominciata lo scorso 13 Settembre presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani, nella quale è stato presentato agli organi di informazione.

Al suo posto, in città, si è insediato il Capitano siciliano Alberto Calabria, 31 anni, originario di Messina.

Ringraziando il Comandante per il lavoro svolto in Basilicata, dalla nostra Redazione gli auguri di buon lavoro anche in terra sicula, certi che la sua professionalità darà un contributo essenziale.

Il benvenuto e il medesimo augurio anche al Capitano Calabria, a Potenza dalla provincia di Cuneo.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)