TOSSICO QUESTO GIOCO PER BAMBINI! IL MINISTERO ORDINA IL RITIRO, MASSIMA ATTENZIONE

Il Ministero della Salute ha ritirato dal commercio alcuni ‘SLIME’, gelatina maleodorante venduta come gioco per bambini.

L’avviso è stato pubblicato lo scorso 13 Giugno.

Tale provvedimento si è reso necessario per via della tossicità della gelatina del prodotto denominato “BARREL-O-SLIME EVERY NOISE PUTTY” a marca Every S.r.l. nella quale è stata riscontrata presenza di Boro e Cromo VI superiore ai limiti previsti dalla UNI EN 71-3 Cat. II Migrazione di alcuni elementi.

Dopo le analisi secondo i periti questo prodotto è a “Rischio chimico/cancerogeno”.

Denunciati gli importatori di questa marca di ‘SLIME’, che è fabbricato in Cina, e i responsabili della commercializzazione e della distribuzione sul territorio italiano.

Le spese per il ritiro e la distruzione della gelatina puzzolente saranno a carico delle ditte interessate.

Per i barattoli già acquistati, il ministero della Salute ha previsto che “si provveda al richiamo avvisando inoltre i consumatori sul grave rischio connesso all’uso mediante cartellonistica o altri metodi ritenuti efficaci”.

Peraltro, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” (sul sito informazione.it) che la gelatina, oltre ad essere tossica, se ingerita o inalata può creare danni alle mucose nasali e alle prime vie respiratorie percheè non è estraibile con pinze o uncini ed è radio-trasparente.

Questo secondo gli esperti.

Il prodotto si può rompere in piccoli pezzi che è molto facile ingerire o introdurre nel naso e che in quel caso c’è il pericolo di gravi danni alle vie respiratorie in quanto la rimozione della gelatina è molto difficoltosa perchè non è afferrabile con pinze o uncini e potrebbe dunque provocare un’insufficienza respiratoria di non facile risoluzione”, oltre al fatto che “la sostanza è poco visibile anche con esame radiologico.

Di seguito l’avviso del Ministero della Salute e le foto dei prodotti tossici che ha diffuso.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)