ATTENZIONE, MESSAGGIO PER TUTTE LE MAMME DALLA SOCIETÀ DI PEDIATRIA: LA SALUTE DEI BAMBINI È A RISCHIO A CAUSA DELL’USO DEI CELLULARI!

 

L’utilizzo eccessivo degli apparecchi tecnologici da parte dei bambini può provocare conseguenze negative dal punto di vista salutare.

A lanciare l’allarme la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) che ha divulgato una serie di informazioni per mettere in guardia tutti i genitori sui rischi a cui vanno incontro i loro figli (di età inferiore ai 10 anni) se utilizzano costantemente il cellulare.

Secondo la testimonianza di molti genitori sono sempre di più i piccoli che fin dalle scuole elementari chiedono di avere un telefonino, per un compleanno, per Natale e Pasqua o solo perchè i loro compagni di classe ne possiedono già uno.

La SIPPS a tal proposito ha dichiarato che nonostante non siano ancora note le conseguenze di un utilizzo e un’esposizione eccessiva ai telefonini, sono molte le ricerche che individuano proprio nel loro uso frequente alcuni disturbi del sonno, della concentrazione e della memoria.

Molti studi in merito hanno dimostrato che i bimbi che usano il cellulare fin da molto piccoli manifestano perdita di concentrazione e di memoria, difficoltà di attenzione e di apprendimento, senza dimenticare gli effetti nocivi delle onde elettromagnetiche per la salute da un punto di vista medico e psicologico a causa della possibile dipendenza.

L’esposizione alle onde elettromagnetiche provoca surriscaldamento, e quando l’esposizione è lunga e prolungata nel tempo gli effetti nocivi aumentano.

Inoltre non va sottovalutato l’aspetto della socializzazione che ormai si è persa: capita spesso di vedere i bambini concentrati a giocare con questi apparecchi tecnologici, isolandosi dal gruppo.

Ecco perchè i pediatri italiani, si appellano al buon senso dei genitori, invitandoli a vietare completamente l’utilizzo dei cellulari ai bambini al di sotto dei dieci anni, e di regolamentarne l’uso anche negli anni seguenti.

 a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)