BRIENZA, AL VIA DOMANI LA SETTIMA EDIZIONE DELLA “FESTA DEL DONATORE” DELLA FIDAS: ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO

Domani a Brienza (PZ) si terrà la settima edizione della Festa Regionale del Donatore organizzata da Fidas Basilicata.

Il programma è gestito dalla sezione Fidas Brienza e si pone tra gli obiettivi il confronto inteso come momento di formazione e informazione, oltre che come momento di festa e di incontro di tutti i donatori Fidas della Basilicata.

Pancrazio Toscano presidente Regionale Fidas Basilicata ha spiegato:

“Anche quest’anno ci incontriamo a Brienza con tutti i donatori per un momento di festa comune, di formazione e solidarietà.

Solidarietà dimostrata, purtroppo, in questi giorni a seguito del drammatico incidente ferroviario accaduto in Puglia.

Il gesto è stato spontaneo e commovente, grazie a tutti i donatori”.

Ecco il programma:

  • Ore 16,00: Arrivo delegazioni
  • Ore 17,00: Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Salvatore Ligorio Arcivescovo Metropolita Potenza–Muro Lucano e da Don Beniamino Cirone, Parroco del SS. Crocifisso. Saluto del Sindaco e delle Autorità presenti
  • Ore 18,45: Sfilata con labari e striscioni – partenza piazzale Hotel Imperiale – arrivo Piazza Marconi;
  • Ore 19,00: Corso di formazione, presso la sala del refettorio dei Frati Minori del Comune di Brienza, sulle procedure da utilizzare nelle giornate di donazione (normativa, modulistica, accoglienza e informazione). Il Corso, previsto per il mantenimento dell’accreditamento delle UdR e PdR associativi, è rivolto ai Presidenti di Sezione, Dirigenti associativi FIDAS e quanti collaborano nelle sezioni, e sarà tenuto dal Responsabile della Qualità dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza e da medici trasfusionisti. Per i donatori non partecipanti al corso di formazione, visita guidata al Castello e alla cittadina burgentina.
  • Ore 20,30: Piazza Marconi – Fidas in festa a cura della Sezione FIDAS di Brienza, allietata dalla musica di Giuseppe e Salvatore Band.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)