IL POTENTINO MASSIMO CANTISANI IERI SERA A RAIDUE HA VINTO LA PRIMA SFIDA DI THE VOICE!

 

Ieri sera ha partecipato a THE VOICE su Rai2 Massimo Cantisani che ha dovuto duellare con altri due cantanti (sempre del Team Dolcenera) per cercare di rimanere in gara ed evitare quindi di essere eliminato.

I tre cantanti si sono esibiti davanti ai Coach e alla fine Dolcenera ha decretato che è stato Massimo a vincere la sfida.

Sarà lui quindi ad accedere alla prossima fase di The Voice.

Per vedere il video ufficiale della sfida andata in onda ieri sera su Raidue clicca Qui.

Ecco di seguito una breve scheda di Massimo:

  • È originario di Latronico (Potenza).
  • Inizia a studiare chitarra a 13 anni alle scuole medie con indirizzo sperimentale, poi continua da privatista durante il liceo.
  • Studia canto in Conservatorio per 2 anni e si laurea in Storia e Filosofia.
  • Suona in giro, fa serate (in duo, in trio, in quartetto) cantando e suonando Soul, RnB, Jazz. Viene dal Soul dei pionieri – Marvin Gaye, Sam Cook, Marley, parlando di Black Music – e dal Jazz di Billie Holiday.
  • Ama anche i cantautori italiani vecchio stampo.
  • Proviene da una famiglia musicale: la mamma negli anni ‘60 era a un passo da un disco, poi ha completamente smesso.
  • Il suo rimpianto di non aver continuato lo ha trasmesso a Massimo, alle sorelle e al fratello gemello.
  • Anche il padre ha sempre sostenuto i loro sogni musicali.
  • Il suo sogno è di vivere facendo musica, ma con meno sacrifici, avere qualche soddisfazione in più, anche semplicemente lavorare a un disco.
  • Dedica la sua partecipazione a “The Voice” a se stesso per la caparbietà nei momenti no, per i sacrifici che ha fatto e ai suoi genitori.
  • La musica è per lui una magica trinità: ossessione, studio e sperimentazione.
  • Ora vive a Roma.

Per vedere il video della sua prima presentazione al programma The Voice Clicca Qui.

Per vedere il video della sua prima performance effettuata su Raidue a The Voice Clicca Qui.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)