TRE ARTISTI POTENTINI STASERA SARANNO “UBRIACHI D’ARTE” TRA LE CANTINE DI SANT’ANGELO LE FRATTE

Immancabile appuntamento con “Cantine Aperte – Sapori e tradizioni della cultura contadina” di Sant’Angelo le Fratte, organizzata dalla locale Pro-Loco e con il sostegno di centinaia di volontari.

Giunte ormai alla 21esima edizione, come ogni anno sono annoverate tra gli eventi più attesi dell’estate lucana.

A partire da stasera e fino al 15 Agosto, i visitatori potranno degustare vini, formaggi ed altri prodotti tipici della gastronomia locale, ma anche concedersi qualche inaspettato incontro con l’arte.

Nel contesto delle iniziative che accompagneranno il percorso enogastronomico, sarà ritagliato uno spazio anche per gli appassionati dell’arte contemporanea che potranno ammirare la mostra intitolata “Ubriachi d’Arte” allestita negli spazi dell’Auditorium, all’interno della suggestiva ed emozionante area delle cantine ricavate direttamente nella roccia della montagna sovrastante il paese.

Nei quattro giorni di festa previsti dall’evento, tre giovani artisti di Potenza (tutti sotto i trent’anni) mostreranno le loro opere: Marta Casaletto, Michele Benedetto e Stefano Accetta.

Questi artisti mostreranno al vasto pubblico delle Cantine una trentina di opere, nate da un intenso e appassionato lavoro di ricerca e sperimentazione.

Quella di Marta Casaletto ad esempio è un tipo di pittura maggiormente figurativa,  che utilizza la tecnica mista ad oli, gessi e colori acrilici volti ad esaltare la dimensione materica dei volti e dei profili femminili, così come quelli dei suoi paesaggi.

L’ispirazione di riferimento dell’artista è l’universale principio femminile, ma ampio spazio è dedicato anche alla sperimentazione, con le riproduzioni d’artista ispirate a Klimt.

Benedetto e Accetta si concentrano invece sul linguaggio astratto tramite l’irruente tratto delle bombolette spray.

Le loro tele sono determinate da cromie luminose e dinamismo energico ed accentuato.

cantine aperte1a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)