Frana Maratea: Basilicata chiede stato di emergenza nazionale. Ecco le ultime notizie

L’assessore regionale alle Infrastrutture Donatella Merra ha convocato per questa mattina alle ore 9.30, presso l’Assessorato, un tavolo emergenziale con Anas, Protezione Civile, sindaco di Maratea, l’Ufficio difesa del suolo e l’Ufficio Infrastrutture, per valutare i danni e le immediate misure di contenimento da assumere dopo la frana che ha colpito Maratea nelle prime ore di ieri mattina, provocando la caduta a valle dei detriti sulla SS18 sino alla spiaggia.

Nel mentre a Potenza, sempre in giornata, è stato avviato l’iter per la richiesta al Governo dello “stato di emergenza nazionale”.

La decisione è arrivata dopo la costituzione, presso gli uffici dell’assessorato lucano alle Infrastrutture, di un “Comitato operativo permanente” voluto su espressa volontà della Regione Basilicata per superare la fase seguita all’evento franoso.

L’assessore Merra rammenta che:

“la SS 18 è un’arteria fortemente condizionata dai fenomeni di caduta massi in tutta la sua estensione soprattutto per questo sono stati avviati e procedono celermente i necessari lavori, per complessivi 47 mln di euro, della variante alla SS18 secondo il cronoprogramma prefissato.

Si tratta, in particolare, della realizzazione di due tratti in galleria che risolveranno definitivamente queste criticità ma nel frattempo fronteggeremo con tutte le risorse a nostra disposizione l’annoso problema della caduta massi che compromette la sicurezza viaria della comunità di Maratea e di tutti gli utenti che utilizzano quel percorso.

Dopo l’incontro di domani saranno forniti ulteriori aggiornamenti sulle decisioni adottate.

La Regione come già avvenuto per gli eventi calamitosi di metà ottobre scorso che colpirono le frazioni Castrocucco e Contrada Marina, è al fianco della Comunità marateota scossa da questi infausti eventi e la sosterrà sia in termini di interventi e finanziamenti che con tutta la solidarietà umana necessaria”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)