POTENZA, TRASPORTO PUBBLICO: “NON C’È FINE AL PEGGIO. FURBI E RUFFIANI CHE SI VENDONO”, A DIRLO…

“Non c’è mai fine al peggio” è quanto si legge in una nota congiunta di Franco Acinapura, Coordinamento regionale Usb Basilicata tpl e di Domenico De Stradis, Esecutivo Regionale USB Basilicata L.P. che continua:

“Come Unione Sindacale di Base di Basilicata negli ultimi anni abbiamo denunciato spesso le mancanze del settore trasporti lucano.

Abbiamo denunciato le incapacità delle istituzioni, le assenze del Cotrab e dei sindacati confederali.

Lo abbiamo sempre è comunque fatto partendo da un riconoscimento di buona fede da parte di coloro che avrebbero potuto e dovuto fare di più per il settore e per gli utenti.

Oggi apprendiamo dai tanti mezzi di informazione che quanto denunciavamo non era incapacità di gestire la cosa pubblica, era semplicemente e vergognosamente fatto di proposito.

Membri del sindacato, delle istituzioni, del Cotrab avrebbero montato una vera e propria rete di raccomandazioni, di agevolazioni per questo o quell’altro politico piuttosto che sindacalista.

Altro che buona fede, si sbagliava sapendo di sbagliare, si creavano disservizi sapendo di penalizzare l’intera utenza lucana, e lo si faceva per gli interessi di pochi.

Non c’è mai fine al peggio, questa è la Basilicata dei trasporti, della gente che si ritrova su pullman vecchi e pericolosi, di autisti (quelli senza santi in paradiso) a cui non viene versato per mesi lo stipendio.

È la Basilicata dei soliti furbi, dei ruffiani di partito, dei sindacalisti che si vendono e svendono al miglior offerente, tanto alla fine a pagare sono sempre e soltanto le persone oneste.

È ora di mandare a casa una volta per tutte questi personaggi senza scrupoli che nuociono all’intera comunità.

Aspettiamo di sapere come andrà a finire questa vergognosa storia, senza farci troppe illusioni ovviamente, siamo abbastanza adulti e vaccinati per sapere che alla fine non pagherà nessuno per i danni fatti in questi anni.

Usb continuerà a denunciare le incapacità le assenze e da oggi anche il malaffare che gira intorno al mondo del trasporto lucano; ad iniziare dall’ultimo episodio in ordine di tempo che ha visto la giunta regionale approvare (alle 02.00 di notte) l’assegnazione per i prossimi due anni a Cotrab (di nuovo…) del tpl lucano, e che alla luce degli ultimi accadimenti giudiziari andrebbe quantomeno bloccata”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)