IL MAESTRO LUCANO VINCENZO TIRI HA VINTO ANCHE LA GARA “NOTTE DEL PANETTONE” A MILANO TRA I MIGLIORI D’ITALIA!

Il re della lievitazione artigianale perfetta, Vincenzo Tiri di Acerenza (PZ), continua ad essere il numero uno nel mondo dell’alta pasticceria italiana.

Lunedì scorso, 20 Novembre, il suo panettone ha sbaragliato la concorrenza alla “Notte del Panettone”.

L’evento, organizzato da Samsung Electronic Italia in collaborazione con la Gazzetta dello Sport, si è svolto a Milano all’interno del nuovo ristorante D’O di Davide Oldani (chef stellato tra i migliori d’Italia).

Il pasticcere lucano Vincenzo Tiri era stato selezionato dalla redazione de La Gazzetta dello Sport (nel suo côté gourmand “La gazza golosa”) insieme ad altri 5 dei migliori pasticceri italiani.

Il maestro Tiri ci ha raccontato:

“In sala numerosi degustatori presenti alla cena, tutti esperti di settore.

Ad ogni piatto è stato abbinato un panettone.

Al tavolo tra colleghi ci siamo confrontati, assaggiando e analizzando le differenze tra un panettone e l’altro.

Poi siamo passati ai nostri metodi di lavorazione scoprendo che sul lievito seguiamo strade diverse.

Io ho diversi tipi di lievito.

Chiuso in un telo e legato con una corda oppure liquido, in acqua, che è più idratato e ricorda uno yogurt, oltre a quello di grano duro che ha più di 60 anni. Li uso in base al prodotto”.

Come si legge nella nota pubblicata da GazzaGolosa:

“Una superserata dove abbiamo assaggiato sei grandi panettoni tutti diversi.

E il motivo di queste differenze, visto che si tratta dello stesso dolce, vanno cercati nella materia prima ma soprattutto nel lievito madre.

Vincenzo Tiri, il pasticciere di Acerenza (Potenza), per due volte vincitore del premio di GazzaGolosa per il Miglior Panettone d’Italia, ha sbancato lunedì sera anche il Gala Samsung Gazzetta che si è tenuto al D’O di Davide Oldani, a Cornaredo (Milano).

La Notte del Panettone è diventato uno degli appuntamenti più attesi della stagione, che mette in competizione i grandi maestri del panettone artigianale”.

Alla fine della serata, dopo le votazioni, la vittoria è andata al panettone artigianale di Vincenzo Tiri.

L’amore e la passione che Tiri impiega nel suo lavoro sono i segreti del successo e questo concetto Vincenzo ha cercato di inculcarlo anche agli allievi che lo scorso Ottobre lo hanno seguito a scuola Tessieri, tra le più prestigiose d’Italia.

Ormai piovono premi e riconoscimenti sui prodotti artigianali sfornati nella pasticceria di Acerenza “Tiri 1957”, gli ultimi in ordine di tempo sono quelli assegnati dalla competizione “Il panettone secondo Caracciolo” lo scorso Settembre in cui Tiri ha vinto 5 premi su 5.

Ricordiamo che l’apprezzatissimo Panettone Artigianale Tiri 1957 negli ultimi anni è stato premiato come:

  • Miglior Panettone d’Italia 2016 da Dissapore;
  • Miglior Panettone d’Italia 2015 da Re Panettone;
  • Miglior Panettone d’Italia 2015 da Dissapore;
  • Miglior Panettone d’Italia 2015 da GazzaGolosa;
  • Miglior Panettone d’Italia 2014 da Scatti di Gusto;
  • Miglior Panettone d’Italia 2014 da GazzaGolosa.

Facciamo i complimenti al pasticcere lucano Vincenzo (conosciuto in tutto lo stivale per essere il creatore del panettone e della colomba più buoni d’Italia) che grazie ai suoi prodotti porta l’eccellenza della Basilicata sulle tavole degli italiani.

Di seguito alcune foto della premiazione.