Potenza, in provincia sversamento di rifiuti illegale in questo fiume. Pinuccio di Striscia raccoglie l’appello dei cittadini

“Pinuccio”, il noto inviato di Striscia la Notizia, è tornato ad occuparsi della Basilicata per accogliere l’appello di alcuni cittadini preoccupati per la salute del fiume Ofanto e delle conseguenze per i cittadini.

Come fa sapere Striscia:

“Pinuccio ci parla del fiume Ofanto, che attraversa tre regioni (Puglia, Basilicata e Campania) e che è a forte rischio inquinamento a causa dello sversamento di rifiuti illegale nei pressi di Melfi“.

Infatti, nel servizio andato in onda, “Pinuccio” ha così introdotto l’argomento:

“Carissimi amici, oggi parliamo di un posto meraviglioso: il fiume Ofanto, uno dei più importanti del Sud.

Abbiamo scoperto che in uno dei punti più belli, ovvero a Melfi, c’è uno sversamento di immondizia.

Alcuni escursionisti ci hanno segnalato che una gola, che scende verso il fiume, è pieno di rifiuti.

Qui l’Estate bruciano i rifiuti, si vede dalle pietre annerite, invece quando piove gli stessi finiscono nell’acqua.

E’ molto pericoloso perché, più in là, ci sono degli sbarramenti dove si attinge acqua per irrigare i campi“.

Giuseppe Capano, Presidente Comitato “Valle del Carapelle” ai microfoni di Striscia ha dichiarato:

“La situazione è critica da anni, ormai è più di un anno che segnaliamo tutto questo alle Istituzioni.

C’è sempre un rimbalzo tra Regione e Provincia.

Non si riesce a capire, realmente, di chi è questa responsabilità.

Nello specifico, nell’ultimo caso reso noto da un gruppo di escursionisti, notiamo una traversa ricolma di rifiuti di ogni genere, da quelli urbani all’amianto.

Ci sono camion che con grande impegno portano questa roba.

Chiediamo un intervento immediato.

Tutto questo è assurdo!”.

Conclude l’inviato:

“Noi ci auguriamo che le Istituzioni facciano il loro dovere e i cittadini siano un po’ più responsabili”.

Lo avete visto?

Cosa ne pensate?

Ecco alcune immagini mostrate nel corso del servizio.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)