Basilicata, adesione del 100% a questo sciopero: “Tutti i lavoratori precari…”

Oggi è sciopero in tutta Italia dei dipendenti di Anpal Servizi, la società in house dell’Agenzia nazionale delle politiche attive del lavoro.

Motivo dello sciopero, la mancata stabilizzazione del personale precario e la gestione della partita che interessa i 3 mila navigator previsti dal programma del reddito di cittadinanza.

Spiega un comunicato diffuso dall’ufficio stampa della Cisl Basilicata:

“In Basilicata, stando a quanto comunicato in mattinata dalle segreterie regionali di Cisl, Felsa Cisl e First Cisl, ‘hanno scioperato tutti i 17 precari della società addetti alle attività di supporto ai centri per l’impiego e alla transizione scuola-lavoro’.

A livello nazionale sono 650 i precari in forze all’Anpal Servizi (506 collaboratori e 144 a tempo determinato), di questi oltre 130 sono quelli con il contratto in scadenza.

In una nota le tre sigle sindacali denunciano la paradossale gestione dei navigator: ‘Prima di entrare in servizio i navigator dovranno partecipare a un corso di formazione di circa 10 giorni svolto dai loro colleghi anziani di Anpal Servizi. Una situazione che ha del paradossale. Infatti, coloro che formeranno i nuovi assunti – spiegano Cisl, Felsa e First – sono in scadenza di contratto e l’azienda ancora non ha messo in campo nessuna azione per la loro stabilizzazione. Al contrario – osservano i sindacati – si assumono altri 3 mila precari che dovranno trovare il lavoro ai disoccupati, dando così vita ad un grottesco turn over tra nuovi e vecchi precari’.

Per Cisl, Felsa e First ‘quale futuro ha un’azienda che manda a casa lavoratori con anni di esperienza in un settore così strategico e li sostituisce con addetti alla loro prima esperienza? L’unica cosa certa è che si aumenta così solo la platea del precariato. Tutto questo in uno scenario sociale dove è necessario implementare politiche attive del lavoro puntando sull’attività sinergica tra governo nazionale e regionale'”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)