Potenza: due uomini scoperti in treno! Ecco cosa nascondevano in un borsone

Personale della Polizia Ferroviaria di Potenza, nel corso di un servizio di scorta viaggiatori a bordo treno, ha denunciato all’Autorità Giudiziaria due cittadini di etnia Rom per possesso di arnesi atto allo scasso.

Gli agenti, nel corso di un servizio di scorta viaggiatori sul treno regionale 3591 (Potenza-Taranto), hanno notato aggirarsi sul convoglio due uomini che, alla loro vista, hanno tentato di allontanarsi dalla carrozza ove erano seduti.

L’azione, però, non è sfuggita alla pattuglia della Polfer che immediatamente ha raggiunto i due e li ha sottoposti a controllo.

Dagli esiti dell’interrogazione della Banca dati delle Forze di polizia è emerso che i predetti, B. V. di anni 38 e A.I. di anni 24, entrambi di etnia Rom, avevano a proprio carico numerosi precedenti penali per delitti contro il patrimonio (furto aggravato) e delitti contro il patrimonio mediante frode (ricettazione), pertanto, gli agenti, hanno deciso di approfondire gli accertamenti.

Infatti, in un borsone che i due avevano con loro, sono stati rinvenuti, celati in una busta di carta, alcuni arnesi atto allo scasso, in particolare:

  • un martello;
  • un cacciavite;
  • uno scalpello;
  • un seghetto;
  • due paia di guanti in gomma;
  • nonché capi di abbigliamento;
  • tra cui un passamontagna con la parte inferiore del bavero tagliata;
  • oltre ad un sacchetto con all’interno monete in tagli da 1 e 2 euro, per un importo complessivo di 1.158,00 euro.

In relazione al rinvenimento del citato materiale e della somma di denaro, i due rom, non sapendone giustificarne il possesso, al termine dell’attività sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli (art. 707 del codice penale), in concorso tra loro (art. 110 codice penale), mentre il denaro e gli arnesi sono stati sottoposti a sequestro.

Sono tuttora in corso indagini, in collaborazione con le altre Forze di Polizia, per risalire ad eventuali furti, in abitazioni, esercizi commerciali, sale da gioco, ecc., commessi nella provincia di Potenza o in altre zone.