A Potenza sfruttamento di oltre 80 donne: Ufficio della Consigliera regionale di parità costituita parte civile. Ecco i dettagli

La Corte d’Assise di Potenza, presieduta dal Dott. Rosario Baglioni, ha ammesso la costituzione di parte civile dell’Ufficio della Consigliera regionale di parità, patrocinato dell’Avv. Luca Lorenzo, nel procedimento a carico di una organizzazione dedita alla tratta di persone e all’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Dopo essere state reclutate attraverso profili facebook, le lavoratrici, tutte donne moldave, entrate nel territorio italiano con visto turistico, erano costrette a lasciare il passaporto nelle mani dell’organizzazione e a lavorare come badanti, in nero e in condizioni di sfruttamento, versando come tangente una quota del salario maturato.

Le lavoratrici, inoltre, erano segregate e trattenute in alloggi gestiti dall’organizzazione in condizioni sociali, familiari ed economiche di vulnerabilità e di degrado.

Soddisfazione viene espressa da Ivana Pipponzi, consigliera regionale di Parità (deputata istituzionalmente al contrasto delle discriminazioni di genere sul lavoro), e dall’avv. Lorenzo poiché “l’ammissione alla costituzione di parte civile per i delitti commessi in danno di una pluralità di lavoratrici per condotte discriminatorie rappresenta il primo caso in Basilicata, a dimostrazione della sempre crescente sensibilità e tutela verso la questione di genere”.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)