Cultura, Sangiuliano: “Usare parole straniere è snobismo radical chic”. Siete d’accordo?

“La consacrazione della lingua nazionale è in molte Costituzioni, di gran parte dei Paesi non solo europei, come ha opportunamente ricordato Federico Guiglia.

Quindi si tratta di essere coerenti con altre grandi nazioni europee e occidentali, e già il presidente Meloni presentò una proposta in tal senso.

Poi, naturalmente, la riforma va armonizzata con il quadro di riforme a cui sta lavorando il ministro Casellati”.

È quanto afferma in un’intervista a “Il Messaggero” il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, nella quale commenta l’idea del quotidiano, diventata anche oggetto di una proposta di legge, di inserire l’Italiano nella Costituzione.

Afferma Sangiuliano:

“La lingua è l’anima della nostra nazione, il tratto distintivo della sua identità.

Il secolo scorso insigni studiosi del calibro di Croce, Gentile, Volpe hanno a lungo argomentato sulla circostanza che l’Italia sia nata molto prima della sua consacrazione statutaria e unitaria.

L’Italia nasce attorno a quella che fu definita la lingua di Dante.

In Italia non esiste un’autorità pubblica con poteri giuridici come sono ad esempio l’Académie française e il Conseil International, per la Francia, o la Real Academia Espanõla per la Spagna.

Abbiamo, è vero un’istituzione prestigiosissima come l’Accademia della Crusca, fondata nel 1583, autorevole ma priva di strumenti giuridici.

Credo che un certo abuso dei termini anglofoni appartenga a un certo snobismo, molto radical chic, che spesso nasce dalla scarsa consapevolezza del valore globale della cultura italiana.

E anche della sua lingua, che invece è ricca di vocaboli e di sfumature diverse.

Valorizzare e promuovere la nostra lingua non significa ignorare il mondo che ci circonda.

Non significa, cioè, in alcun modo che in un mondo globalizzato non si debbano studiare e apprendere bene altre lingue, a cominciare da quella inglese, come diceva Tullio De Mauro il multilinguismo ci aiuta a gestire la complessità del presente.

Qui non si tratta di promuovere una battaglia di retroguardia ma solo se sei ben saldo nelle tue radici puoi meglio aprirti al mondo“.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)