Da Potenza ora sbarca a Roma e a Bruxelles la mostra per i 100 anni della nascita del grande statista lucano Colombo! Ecco i dettagli

Il 27 Settembre, alle ore 17:00, presso l’Istituto Sturzo di Roma, si è tenuto il convegno conclusivo delle manifestazioni per il Centenario dalla nascita di Emilio Colombo, dal titolo “La Democrazia Cristiana e l’impegno dei cattolici nel Secondo Novecento. Quale eredità?”.

All’evento sono intervenuti:

  • lo storico Giampaolo D’Andrea,
  • il Senatore Pier Ferdinando Casini,
  • il Presidente dell’Istituto Luigi Sturzo di Roma, Nicola Antonetti,
  • Antonio Colangelo, ideatore del progetto “Emilio Colombo”.

L’apertura e il coordinamento dell’evento sono stati affidati a Donato Verrastro, storico e Direttore del Centro Studi Internazionali “Emilio Colombo”.

L’iniziativa, che ha inteso rilanciare, a partire dalla retrospettiva storica, una riflessione sulle culture politiche del secondo Novecento e sul futuro del Paese, s’inserisce nelle attività organizzate, a partire dall’Aprile 2020, dal Centro Studi “Colombo” e dalla Biblioteca “Maurizio Leggeri”, sezioni del Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo (CGIAM) di Potenza, per celebrare i cento anni della nascita dello statista lucano.

Gli eventi del Centenario hanno previsto una serie di attività:

  • il varo di un portale web dedicato alla figura del politico lucano in occasione dell’anniversario della nascita (11 Aprile 2020);
  • la giornata inaugurale svoltasi a Potenza il 18 Settembre 2020 presso il Teatro Stabile;
  • l’avvio di collaborazioni con enti e Istituzioni per sollecitare e promuovere la ricerca storica e politica sul Novecento Italiano, in linea con la mission principale del Centro Studi “Emilio Colombo”.

L’evento centrale è stato l’allestimento, a Settembre 2020 presso il Palazzo della Cultura e del Turismo di Potenza, di una mostra fotografico-documentaria itinerante dal titolo “La prima fede e l’ultima inquietudine. Emilio Colombo a cento anni dalla nascita”: si è trattato di una riflessione “per immagini” finalizzata alla comprensione del ruolo di Emilio Colombo nello scenario locale, in quello nazionale e nel più ampio contesto internazionale.

L’allestimento si è articolato intorno a tre sezioni:

  • “Lo spirito costituente”,
  • “La Basilicata e il Mezzogiorno”,
  • “La storia nazionale e internazionale”.

Attraverso contributi testuali, documenti, immagini fotografiche e produzioni video, è stato offerto un percorso narrativo che, a partire dall’esperienza politica di un uomo del Sud, si è incuneato nella storia più generale del secondo dopoguerra, svelandone dinamiche, processi e quadri geopolitici, con un breve focus dedicato alla comunicazione politica.

Il materiale esposto è stato estratto dal “Fondo Emilio Colombo”, un prezioso patrimonio documentale e fotografico donato dalla famiglia e conservato dal Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo di Potenza.

La mostra, nei prossimi mesi, sarà allestita anche a Roma e a Bruxelles, nei luoghi e nelle istituzioni che hanno visto Emilio Colombo protagonista di importanti pagine di storia nazionale e internazionale.

L’evento di chiusura, così come tutti gli altri organizzati nel corso dell’anno 2020-2021, si è svolto nel rispetto di tutte le vigenti normative di prevenzione Covid-19.

La partecipazione attenta e numerosa della platea intervenuta ha lanciato un segnale positivo per la ripresa delle attività in presenza e rappresentato una nuova spinta per le prossime iniziative del Centri Studi.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)