Potenza: lavoratori in protesta sotto il palazzo della Giunta regionale! Ecco le loro richieste

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di USB Basilicata:

“La scrivente O.S, dopo aver ampiamente ricercato un confronto con l’amministrazione regionale in merito alla complessa problematica che interessa la forestazione regionale, anche per  ultimo con la richiesta di revisione  dell’accentramento al Consorzio delle competenze degli ex progetti Parco del Pollino ed ex  IVAM, deve constatare non solo l’assoluta assenza degli assessori coinvolti ma che ad oggi non è stata data alcuna risposta anche a tutte le richieste già avanzate e sollecitate dai lavoratori forestali, in special modo:

1) riconoscimento di stato di lavoratore stagionale e mantenimento dei diritti acquisiti;

2) trasparenza e pubblicizzazione sul sito del consorzio delle normative regolamenti e contrattazione applicate , riferite anche alla doverosa pubblicazione dei bandi relativi alle progressioni verticali   e alla mobilità orizzontale;

3) sicurezza sui cantieri troppo frettolosamente superata con l’affidamento agli RLS delle responsabilità, comunque in capo al datore di lavoro, senza una preventiva  formazione e distribuzione di dispositivi adeguati;

4) certezza delle disponibilità finanziaria a copertura dei progetti e  mantenimento della tempistica nei pagamenti.

Restano di fondo I problemi più volte sollevati della scelta  di affidare un servizio che per valore di spesa  rappresenta il secondo bilancio regionale  al Consorzio Unico di Bonifica allo scopo precostituito  e quello relativo alla democrazia e partecipazione sindacale.

Su quest’ultimo punto oltre ad esprimere la valutazione di incostituzionalità rispetto alla nota contrattuale che riserva esclusivamente agli estensori del contratto la possibilità di trattare gli argomenti dello stesso, esprimiamo la preoccupazione per il nuovo contratto decentrato regionale idraulico forestale che sembra essere in discussione in questi giorni, su temi e proposte assolutamente sconosciute e non condivise con i lavoratori e che, dopo l’accordo di febbraio 2020, non può non far temere ulteriori accordi al ribasso.

Per questi motivi, in mancanza di una convocazione da parte del presidente della regione Basilicata e degli assessori all’agricoltura e all’ambiente,  viene indetta una manifestazione regionale il prossimo 16 marzo con presidio sotto il palazzo della giunta a partire dalle ore 10,00.

Verrà garantito il mantenimento delle distanze e l’uso dei dispositivi previsti”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)