Potenza, per Roberto tragico incidente in provincia! Aveva solo 24 anni ed era padre di una bimba: “non meritava questa fine”

Giorni tristi per la provincia di Potenza e per tutta la comunità di Carapelle (FG), che ha dovuto dire addio ad una delle sue più giovani anime.

Si tratta di Roberto Vece, 24enne, strappato alla vita ieri mattina per un fatale incidente.

Ripercorriamo quei momenti.

I Vigili del Fuoco del Comando di Potenza, con il personale in servizio presso la sede distaccata di Melfi, in data odierna sono intervenuti sulla SS 655 Bradanica, al Km 43 ricadente nel comune di Melfi, per l’incendio di un’autovettura.

Giunti sul posto, hanno trovato l’auto in fiamme e nelle vicinanze, sulla carreggiata, il corpo di un giovane di 24enne residente in provincia di Foggia, deceduto a seguito di un investimento.

Era Roberto, sceso dall’auto proprio per il principio di incendio.

Qui purtroppo è stato investito da un mezzo pesante rimanendo ucciso.

Dalle primissime notizie, pare che il giovane avesse da poco chiamato i Vigili del fuoco, proprio a causa della sua auto in fiamme.

Giunti sul posto, la Polizia e i VV.F. hanno trovato il corpo di Roberto, padre di una bimba di due anni, ormai senza vita e sbalzato a qualche metro di distanza dalla sua auto.

Sul posto era già presente il personale del 118, ad indagare su quanto accaduto i Carabinieri.

Questo il cordoglio del Sindaco di Carapelle Umberto Di Michele:

“Oggi la nostra comunità è distrutta.

Abbiamo perso un altro giovane.

Altro sangue sulla strada.

Roberto era poco più che un ragazzo, era papà da poco, era amico di tutti.

Non meritava questa fine.

Per noi, il giorno del suo ultimo saluto, sarà di lutto cittadino.

Perché c’è bisogno di unirsi, di riflettere, di pregare, di evitare altri episodi come quello di oggi.

Il nostro pensiero va ai genitori di Roberto, alla sua adorata Maria e alla piccola Iris”.

Non ci sono parole davanti a questi tragici accadimenti.

Ci stringiamo profondamente al dolore della famiglia.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)