Lauria: un centinaio di famiglie senza acqua potabile! Ecco cosa sta succedendo

Cittadini della Provincia di Potenza senza acqua potabile.

La denuncia arriva dal consigliere comunale di opposizione della lista Progetto Lauria Mariano Labanca che, a fronte di questa situazione di enorme disagio per numerose famiglie, ha inviato una lettera:

  • al Presidente della Regione Vito Bardi;
  • al Sindaco di Lauria (PZ), Angelo Lamboglia;
  • all’amministratore unico di Acquedotto Lucano Giandomenico Marchese;
  • al capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Dario Aliandro.

Questa la situazione:

“Egregio Governatore. Amministratore Unico,

sicuramente è a vostra conoscenza che nella civilissima Lauria, anche grazie ad una politica amministrativa lontana dai bisogni delle Persone, ad oggi una miriade di famiglie (all’incirca un centinaio), dislocate in varie contrade della cittadina (Sirino, Seta e soprattutto la popolosa contrada Gremile), non ha la possibilità di avere nelle proprie case l’acqua potabile, perché in tali aree del Paese per la maggior parte dei casi mancano piccoli tratti di reti di distribuzione che richiederebbero non ampi investimenti.

Alle legittime richieste dei cittadini di avere il servizio, la solita risposta che si è avuta in questi anni è stata: mancanza di coperture economiche.

Ora Vi chiedo, anche e soprattutto per adeguarci al dettato costituzionale che vede l’Acqua come un Bene comune e in linea alle affermazioni del Nostro Presidente della Repubblica a riguardo, considerando che il recovery fund mette a disposizione degli Enti Pubblici ingenti risorse atte alla ripartenza dell’Italia dopo la Pandemia (ripartenza che certamente non dovrà lasciare nessuno indietro), di mettere in campo tutte le misure idonee affinché tutte le famiglie di Lauria possano avere la possibilità di collegarsi a una rete di distribuzione di acqua potabile.

Si aggiunge che per quanto concerne le aree di Lauria, l’ufficio tecnico di AQL ha la mappatura precisa delle aree non servile”.

a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)