Cersosimo ricorda Angela, uccisa da suo marito: i suoi racconti continueranno a vivere

Esattamente un mese fa, il 15 Settembre 2018, a Cersosimo (PZ) la giovane e bella Angela Ferrara, ha perso la vita brutalmente, assassinata da suo marito Vincenzo Valicenti, che dopo il femminicidio si è suicidato.

Da allora il piccolo paesino della Valle del Sauro non è più lo stesso: manca il sorriso dell’intraprendente e umile poetessa che abbagliava la comunità, dai bambini agli anziani.

Ora l’anima del borgo appare tristemente velata da un vuoto profondo.

Oggi (in occasione del Trigesimo) Cersosimo ricorda Angela con la celebrazione della Santa Messa nella chiesa Madre SS Maria Assunta alle ore 17:30.

Impossibile cancellare dalla mente la terribile tragedia che si è consumata un mese fa e che ha visto una guardia giurata di 41 anni, Vincenzo Valicenti, uccidere sua moglie, Angela Ferrara di soli 30 anni  (dalla quale si stava separando).

La giovane era in macchina insieme alla madre quando è stata freddata da colpi di pistola.

La suocera dell’assassino è rimasta ferita ed è stata trasportata all’ospedale San Carlo di Potenza.

La tragedia si è consumata a pochi passi dalla scuola frequentata dal figlioletto della coppia, un bimbo di 8 anni che era stato appena accompagnato nell’istituto.

Dopo aver commesso l’efferato crimine l’uomo si è suicidato con un colpo di pistola alla testa.

I due si erano separati da poco e probabilmente lui non accettava la fine della relazione.

Oggi il figlioletto è stato affidato ai nonni materni.

Angela amava i bambini e scriveva per loro.

“Le sette fantastiche meraviglie del mondo antico” è l’ultimo lavoro che ha dato alle stampe prima della tragedia.

Angela, due settimane prima di essere ammazzata, aveva programmato la presentazione di quest’ultimo capolavoro scegliendo come data il prossimo 18 Ottobre, come location, la biblioteca di Matera.

Lei, purtroppo, non ci sarà ma le sue storie e la sua voglia di comunicare al mondo, quel giorno, ci saranno.

Di seguito la copertina del libro di Angela Ferrara.