Nuovo digitale terrestre: in Italia milioni di televisori dovranno essere sostituiti! Ecco i dettagli

A partire dal primo settembre 2021 sono circa 30 milioni i televisori che dovranno essere sostituiti.

Molti italiani saranno costretti a cambiare la tv vecchia o a comprare un nuovo decoder, con il passaggio al nuovo standard del digitale terrestre, che consentirà di godere di una qualità delle immagini molto superiore all’attuale e di ricevere più canali.

Questo per far spazio alla rete 5G per gli operatori di telefonia e liberare la banda 700 Mhz, molto utilizzata in Italia, soprattutto dalle tv locali.

All’inizio dell’anno il processo ha preso avvio, ma ha richiesto solo di risintonizzare i canali, con una cadenza diversa a seconda delle aree in cui si vive.

Lo switch off del segnale inizierà alla fine dell’estate del 2021.

Per il cambio di tecnologia ci saranno due step:

  • il primo a settembre 2021;
  • il secondo a giugno 2022.

A partire da queste date non sarà più possibile la ricezione delle trasmissioni televisive a meno che non si sia in possesso di apparecchi di nuova generazione, oppure acquistati prima del 2017, resi idonei alla ricezione da apposito decoder.

Per i negozianti, a partire da gennaio 2017, è entrato in vigore l’obbligo di vendere apparati compatibili con il nuovo DVB-T2.

Sono quindi compatibili con il cambiamento introdotto dal primo step tecnologico tutti i televisori che sono stati acquistati da tale data in poi e sono perciò adatti alla ricezione dei canali che verranno trasmessi solamente in HD dal 1° settembre 2021.

Tuttavia, soltanto le TV e i decoder acquistati da dicembre 2018 sono compatibili anche con i nuovi standard introdotti dal secondo step tecnologico, quando avverrà il passaggio dal DVB-T al DVB-T2: lo standard trasmissivo di seconda generazione con sistema di codifica HEVC Main10.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)