Potenza: sostegno alle donne che in Basilicata hanno subito violenze o maltrattamenti. Questa l’iniziativa

“Quelle come me” è il titolo del convegno organizzato dall’ufficio della Consigliera di parità Ivana Pipponzi, in collaborazione con l’Ordine degli avvocati di Potenza e le associazioni ‘Letti di Sera’ e ‘Telefono Donna’, che si svolgerà nel capoluogo lucano il 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nella sala del Cortile del Museo Archeologico nazionale della Basilicata ‘Dinu Adamesteanu’.

Nel corso della tavola rotonda, aperta dalle ore 16.30, verrà analizzato il delicato fenomeno della violenza contro le donne anche dal punto di vista giuridico.

Sarà l’occasione per promuovere e costruire sinergie virtuose tra istituzioni, associazioni e territorio e per avviare un confronto attivo e costruttivo volto a mettere in campo interventi efficaci finalizzati ad accompagnare le donne e le ragazze vittime di violenza.

Nell’occasione verrà presentato il libro “Alda Merini. L’eroina del caos” della scrittrice Annarita Briganti.

Insieme alle iniziative verrà illustrato il progetto Wool Women’s Opportunity for the Other Life, fortemente voluto da un gruppo di imprenditrici lucane, che si pone l’obiettivo, attraverso una raccolta fondi, di sostenere economicamente, attraverso l’erogazione di una borsa di studio o lavoro, le donne che in Basilicata hanno subito violenze o maltrattamenti e che per queste ragioni sono state costrette ad abbandonare la casa, gli studi o il lavoro e che attualmente si trovano nei centri anti violenza lucani.

L’oggetto di questa raccolta sarà una sciarpa, con un bottoncino rosso apposto all’estremità, metafora di calore, un oggetto che avvolge, un dono solidale carico di significati simbolici.

Il convivio di studi, in corso di accreditamento presso il relativo Ordine professionale, costituisce evento formativo gratuito per gli avvocati ed è prenotabile mediante il sistema Riconosco.a
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)