Muore uomo al Pronto Soccorso di Melfi e scatta il panico sui social! Ecco la situazione reale

Una persona di nazionalità cinese è deceduta al Pronto Soccorso di Melfi.

L’uomo era giunto in Italia nei primi giorni di Dicembre.

Avrebbe avvertito un malore alcuni giorni fa, poi si sarebbe recato al Pronto Soccorso dove sarebbe morto in seguito ad un infarto.

Per semplice precauzione, sono state attivate tutte le procedure previste dal Protocollo Coronavirus, informando chi di dovere.

I sintomi, infatti, non fanno pensare al virus.

Ieri, purtroppo, tra le chat e i social, si è letto di tutto, data la diffusione di notizie false circa un possibile contagio nella nostra zona.

La verità oggettiva attuale, tuttavia, è un’altra.

Eccola riassunta di seguito:

  • un uomo è deceduto presso l’Ospedale di Melfi per infarto;
  • era a Lavello dall’inizio di Dicembre; la sua partenza dalla Cina, dunque, va colloca necessariamente a fine Novembre (più di un mese prima che scattasse l’allarme);
  • il periodo di incubazione del coronavirus, secondo le ultime notizie, potrebbe essere più lungo di quanto previsto: potrebbe estendersi fino a 24 giorni, 10 in più rispetto a quanto ipotizzato in precedenza;
  • l’uomo proveniva da una città sita a più di 600 chilomenti da Wuhan, centro dell’epidemia (in termini più chiari: è la stessa distanza che intercorre tra Roma e Torino).

L’unico aspetto che lo associa al coronavirus, dunque, è la sua provenienza.

I controlli, come giusto che sia, vengono eseguiti, ma in via del tutto precauzionale.

Fare informazione oggi è una responsabilità sociale e creare inutili allarmismi per protagonismo (su un argomento così importante), finché non si hanno notizie vere e certe, è solo controproducente per tutta la comunità.

Vogliamo scrollarci di dosso ogni tipo di angoscia?

Laviamoci più spesso le mani per prevenire l’unica cosa che davvero potrebbe minacciare (come da sempre in questo periodo, nella nostra zona) la salute dei più deboli, specialmente anziani e bambini: l’influenza stagionale!

 

La Redazione di POTENZANEWS.NETa
a

POTENZANEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 465)